sabato 31 agosto 2013

Risposte varie sull'Ungheria e sull'ungherese

Da tanto non seguivo più le chiavi di ricerca che portano i lettori casuali sul mio blog, mentre è una lettura assai interessante, talvolta anche divertente. Il fatto è che come cresce il contenuto del blog, anche le chiavi di ricerca che portano qui diventano più numerose. Adesso però gli ho dato un'occhiata, e mi fa piacere vedere che ce ne sono molte che riguardano il mio paese o la mia lingua, tutte scritte in italiano naturalmente, quindi da italiani. Visto che ho il privilegio di poter fare queste ricerche anche in ungherese, allora ecco qualche risposta. Magari possono essere utili.

Dell'Ungheria e degli ungheresi

- Ungheria paesaggi:  digita in Google Immagini "Magyarország tájképek" (Ungheria paesaggi) oppure "Bükk képek", "Hortobágy képek", "Mátra képek", "Dunakanyar képek" (sono alcune zone dell'Ungheria).

- divorzi in Ungheria: Tanti. Secondo le statistiche mediamente 24-25 mila all'anno, mentre si contraggono circa 45 mila matrimoni all'anno. Dati qui (in ungherese). Con questi numeri l'Ungheria è nella media europea.

- festa della regina in Ungheria agosto: khmmm, quasi... Forse voleva scrivere "festa del re". E' la festa di Santo Stefano, il primo re dell'Ungheria, incoronato nell'anno 1000, che si è convertito al cristianesimo. La festa è il 20 agosto. Di feste nazionali ungheresi ho raccontato un po' qua. Di questa in particolare potete leggere di più qui (in italiano).

- acquista auto in Ungheria: per le macchine usate ecco questo sito qua (in ungherese, purtroppo, o naturalmente): www.hasznaltauto.hu. L'ho usato anch'io qualche anno fa (va bene, quasi dieci anni fa) l'ultima volta che ho comprato una macchina in Ungheria. E' un ottimo motore di ricerca con una banca dati enorme. Si può cercare in base a tutti criteri possibili immaginabili. Però il grande svantaggio di comprare una macchina usata in Ungheria è che molto spesso il concessionario non ti dà un anno di garanzia, come in Italia, quindi attenti. Le macchine nuove credo che abbiano gli stessi prezzi che in Italia.

- com'è il pane in Ungheria: buonooo! Quello classico è bianco e soffice, l'opposto del pane toscano. Ecco un'immagine ed ecco un video della ricetta (narrato in ungherese). Si prepara con il lievito naturale o lievito madre ("kovász"  in ungherese), quindi una miscela di farina e acqua fermentata in casa, la stessa che si usa per la pizza napoletana.

- spirito maschio ungherese com'è?: haha :) Se si parla di stereotipi, il maschio ungherese è galantuomo, riservato, non disdegna l'alcool per divertirsi, ha pochi capi nell'armadio, in generale non cura molto il suo aspetto fisico, non fa le faccende di casa, ma magari gli piace cucinare ed è buongustaio. Però si parla di generalizzazioni, sia chiaro.

- canzoni in ungherese anni 90: di che genere? In questo video trovi una selezione delle canzoni dance/techno più popolari di quel decade. Oppure in questa lista su YouTube trovi anche canzoni di altro genere.

- i cantanti ungheresi con più successo: Parliamo di cantautori/cantautrici quindi? Ovviamente tantissimi. Eccone un paio (di alcuni di loro ho anche riportato e tradotto una canzone su questo blog): Ákos (il mio preferito), Zorán, Bródy János, Fenyő Miklós, Horváth Charlie, Zámbó Jimmy, Koncz Zsuzsa, Demjén Ferenc, Komár László... (non tutti loro mi piacciono).

Della lingua ungherese

- cuore ungherese svedese italiano: (forse cercava proprio il mio blog e non la traduzione della parola, ma nel dubbio...) "szív" (in ungherese, pronunciasi 'siiv') e "hjärta" (in svedese, pronunciasi 'jerta', ma la 'r' non si sente quasi).

- dove sei in ungherese: "Hol vagy?"

- rito del 25o matrimonio in ungherese: cioè del 25esimo anniversario? Nozze di argento in ungherese si dice "ezüstlakodalom". Del rito non so molto, ma cercando su Google ho trovato una canzone di Katalin Karády (una delle voci più importanti della scena musicale ungherese degli anni Quaranta) con questo titolo.

- significato szer: domanda difficile... Questa parolina può voler dire tante cose e si trova anche in numerose parole composte. E' un sostantivo. A me la prima cosa che mi viene in mente se la sento dire è un attrezzo di ginnastica (per es. anelli, cavallo, trave), che infatti ungherese si chiama "szertorna". Ma forse il suo significato più comune è "sostanza", per es. un medicinale o detersivo. E' anche la radice del verbo "szerel" che significa assemblare, montare, riparare.

- come leggere vocali ungherese: domanda da un milione di dollari. Ci vuole un sito che "parla". Questo è un ottimo dizionario ungherese-inglese/italiano/tedesco/francese/etc. online dove potete anche ascoltare la pronuncia dei singoli voci: SZTAKI.

- video di buon compleanno in lingua ungherese: eccone un paio: 1 (questo è degli anni Ottanta, quindi perfetto per le persone della mia generazione che sono cresciute con questa canzoncina di "Buon compleanno), 2 (dello stesso periodo, però meno conosciuta), 3 (una poesia d'amore, con musica più recente), e tanti altri.... Basta digitare in YouTube "Boldog születésnapot".

- come si dice buona notte in ungherese: "Jó éjszakát!", o la versione breve "Jó éjt!"

- come si scrive ti amo con il mio cuore in ungherese: così non si dice... non suona bene. Letteralmente sarebbe "szívemmel szeretlek". Magari è meglio però "Ti amo con tutto il cuore" => "Teljes szívből szeretlek".

è difficile l'ungherese: eh già...

- bestemmie ungheresi: mmm, mi rifiuto...

Non ho incluso le chiavi di ricerca che si riferivano a qualcosa di cui ho effettivamente raccontato sul blog, quindi la persona interessata probabilmente ha trovato quel che cercava.

Per risposte a vecchie chiavi di ricerca su questo blog vedete qui, quiqui e qui. Quasi quasi creo un nuovo tag per questi post. Sarà più semplice poi ritrovarli.

martedì 27 agosto 2013

Il più bel regalo di Natale

Lo so. Cosa c'entra il Natale in agosto? Credetemi, c'entra. Per noi da diversi mesi ormai che il Natale c'entra tutti i giorni. Perché questo Natale riceveremo un regalo davvero speciale. Data prevista del suo arrivo: il 23-24 dicembre! Un piccolo pacco che accrescerà la comunità italo-ungherese-svedese e arricchirà la nostra vita. ;)

Un grande cambiamento che mi regalerà, e mi sta già regalando, tante nuove esperienze, nuove emozioni e molti spunti di riflessione.

E finalmente la nostra permanenza in Svezia acquista un senso più importante. Un senso vero. Perché questo è un ottimo posto dove passare i primi anni di vita. E' uno dei paesi migliori in Europa per una famiglia con bambini piccoli, se non il migliore, per tanti motivi.


E adesso il testo di una delle mie canzoni preferite dei Muse, Falling Away With You, acquista un senso nuovo. Perché l'amore è amore. In tutte le sue forme.



"So I'll love whatever you become
And forget the reckless things we've done
I think our lives have just begun
I think our lives have just begun

And I'll feel my world crumbling,
I'll feel my life crumbling,
I'll feel my soul crumbling away,
And falling away,
Falling away with you

Staying awake to chase a dream
Tasting the air you're breathing in
I hope I won't forget a thing

Promise to hold you close and pray
Watching the fantasies decay
Nothing will ever stay the same

And all of the love we threw away
And all of the hopes we've cherished fade
Making the same mistakes again
Making the same mistakes again

And I'll feel my world crumbling,
I'll feel my life crumbling ,
I'll feel my soul crumbling away,
And falling away,
Falling away with you."

mercoledì 14 agosto 2013

E si compra casa in Svezia?

Ho già raccontato di case svedesi diverse volte, delle loro particolarità, degli affitti comunali e dei lavori che sono stati fatti a casa nostra di recente. Però ho sempre parlato di affitti. Adesso, invece (a dire la verità ormai da un po'), ci siamo messi alla ricerca di un bostadsrätt, ovvero di una casa di proprietà o quasi (vedi i link di approfondimento sotto). L'appartamento del comune dove stiamo sin dal mio arrivo in Svezia inizia a starci un po' stretto, farebbe comodo una stanza in più. E comunque non siamo mai stati particolarmente innamorati di questa casa, anche se ovviamente ci siamo affezionati. Anche se il palazzo di per sé non è un granché, la zona è ottima. E poi, diciamocela, per un'ungherese e un italiano avere casa propria è un obiettivo naturale. I soldi che vanno via in affitto sembrano soldi buttati via. Comprare casa invece è un investimento.

Noi pensavamo anche di cambiare affitto, ma trovare un altro affitto comunale è un'impresa impossibile per il momento, e gli affitti privati costano tanto, non ne vale la pena. Infatti, gli affitti comunali si assegnano in base a un sistema di punteggio. Per ogni giorno in cui sei in coda ricevi un punto, e io con i miei punti accumulati in tre anni non mi posso ancora permettere di prendere un altro affitto in città (qui a Örebro ce ne vogliono almeno 2500-3000, quindi 7-8 anni). Nella compravendita di immobili invece non ci sono restrizioni, vige la regola del mercato. I prezzi, almeno qui a Örebro, non sono eccessivamente alti, ma - al contrario dell'Italia e dell'Ungheria - stanno salendo, quindi conviene muoverci.

In realtà molti altri blogger italo-svedesi hanno già spiegato come funziona il bostadsrätt (il "diritto di abitazione") in Svezia, quindi non starei a ripetere tutto. Piuttosto racconterei di alcune particolarità che mi hanno colpito e che rendono il sistema svedese di compravendita immobiliare ben funzionante e davvero invidiabile. Per ora solo alcune note sulle differenze più importanti. Poi seguiranno altri post di approfondimento.

- Agenzie immobiliari: poche ma grandi, pagate solo dal venditore nella forma di una percentuale. Quindi il compratore non deve niente all'agenzia. Una volta affidato l'incarico all'agenzia, il venditore dovrà pagare il compenso dell'agente anche se vende l'appartamento tramite un canale diverso (per esempio ad un amico o a chiunque altro). Gli agenti immobiliari hanno l'abilitazione per fare tutte le pratiche della compravendita immobiliare, inclusa la redazione del contratto.
- Notaio: il notaio, una figura tipica nei paesi dell'Europa continentale, esistente quindi sia in Ungheria che in Italia, in Svezia non c'è.  Questo riduce notevolmente sia i costi che i tempi della compravendita. (C'è da dire però che in Ungheria il notaio non ha il monopolio sul rogito, ma va bene anche un avvocato. L'agente immobiliare però non è abilitato a farlo.)
- Prezzi: In questo periodo in Svezia c'è molta domanda, poca offerta. Siccome anche in Svezia vale la spietata legge del mercato, i prezzi stanno inesorabilmente salendo, soprattutto nelle città. Chiaramente più ti allontani dalla città, più diminuisce il prezzo, e nei posti più sperduti in mezzo al nulla puoi anche spendere una sciocchezza.
- Asta immobiliare: dell'asta ci sarebbe molto da raccontare. Abbiamo già partecipato a due, perse entrambe miseramente. Esperienza che ci ha insegnato (se finora non lo sapessimo) la spietata legge del mercato... L'argomento merita un post a parte.

Se volete, invece, informazioni più complete e dettagliate potete "sfogliare" tra questi post:
Per concludere vi racconto cosa stiamo cercando: un appartamento o casetta a schiera (una casa a sé stante è un po' troppo impegnativa, oltre che costa un casino) con due o tre camere da letto, sui 70-90 metri quadri. Esigenze più specifiche: un avgift (spese condominiali che includono anche parte delle bollette, tipicamente l'acqua e il riscaldamento, ma spesso anche canone tv e internet) non troppo alto e ascensore se l'appartamento è su un piano superiore. Sulle altre cose siamo abbastanza flessibili, anche se ovviamente abbiamo delle preferenze.