giovedì 13 giugno 2013

Lavori (quasi) finiti

Ho raccontato dei progressi nella ristrutturazione del nostro palazzo (in cui affittiamo un appartamento), qui e qui. I lavori stanno terminando. Sono stati allargati i ballatoi esterni, montati i balconi e le vecchie ringhiere brutte gialle sono state sostituite con ringhiere nuove di color... grigio topo (com'è stato definito dal marito appena l'ha visto).

 

Al primo piano vedete la ringhiera nuova, ai piani superiori si intravede ancora quella vecchia. Ma non è che la lamiera ondulata passò di moda vent'anni fa? Non ce l'aspettavamo un aspetto simile, perché i palazzi nuovi sono tutti molto belli e moderni. Devono conservare lo stile d'epoca per ordinanza comunale? Poteva essere un'ottima occasione per rendere il palazzo più bello, un po' più moderno, un po' più colorato. Occasione sprecata...


Ma non ci lamentiamo. Abbiamo il balcone! E' bello spazioso. L'hanno montato pezzo per pezzo come un lego. E' agibile da circa un mese.

(Il nostro è all'ultimo piano.)

Adesso che è bel tempo il balcone si apprezza molto. D'inverno immagino che fungerà più che altro da frigorifero naturale. A proposito di bel tempo... Mentre il resto d'Europa soffriva di maltempo e alluvioni, qui splendeva il sole quasi tutti i giorni. Giusto ogni tanto un po' di pioggia per rinfrescarci, ma per il resto temperature anche sui 25 gradi. Proprio oggi il primo giorno che il sole ha fatto capolino solo per pochi minuti ed ha piovuto a dirotto a lungo.

La prossima settimana partiamo e torniamo in Svezia soltanto alla fine di luglio - inizio di agosto (data precisa ancora da stabilire). Questa estate ce la prendiamo comoda, dato che l'estate scorsa non l'abbiamo potuto fare per via del nuovo lavoro di Gabriele. Finirò il lavoro a distanza (leggere paper e correggere esami, continuare a lavorare su due articoli che devo consegnare a fine settembre), per fortuna al giorno d'oggi si può fare. Le lezioni e gli esami ormai sono finiti (cioè l'ultimo esame sarà domani). Gabriele ha finito il suo contratto al Politecnico di Göteborg e adesso è alla ricerca di un nuovo lavoro a Örebro o nelle vicinanze. Ci è dispiaciuto un po' lasciare Göteborg, alla quale ormai ci siamo affezionati e che è una città molto più interessante di Örebro, ma dividerci tra due città è stato faticoso. Non è il tipo di vita che ci sognavamo. E siccome il posto fisso per ora ce l'ho solo io, proviamo a sistemarci a Örebro.

Data la ridotta frequenza con cui aggiorno il blog ultimamente, auguro già adesso buona estate a tutti!